Nel corso di un incontro per la stampa organizzato da abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con alcuni dei portavoce della società a riguardo dell’imminente arrivo di 10. Abbiamo sfruttato l’occasione per chiedere lumi a proposito di Windows 10 come ultima versione di Windows, e la risposta, benché fosse già nota, ci ha un po’ sorpreso.

“Non ci sarà nessun , è stata con questa secchezza che ci è stato ricordato chedopo Windows 10 non dovremo attenderci più alcuna major release. Gli aggiornamenti arriveranno con costanza, ma saranno incrementali: pensare le prossime novità del sistema operativo con un numero identificativo sarebbe sbagliato, perché questo non avverrà.

Del resto anche da questo aspetto deriva la scelta di un numero non più progressivo: la versione “definitiva” di Windows non è la 9, ovvero la scelta più logica dopo l’attuale Windows 8, ma la 10. Un numero più definito e concreto, che sottolinea l’innovazione di Microsoft. Un punto di partenza di una società nuova sotto la volontà dell’altrettanto nuovo CEO, Nadella.

“Windows as a service”, quindi, che verrà aggiornato proprio come un servizio, e non più come un software tradizionale. Microsoft non vuole che lo stesso Windows 10 sia inteso come un sistema operativo, ma come un ecosistema compatibile con qualsiasi dispositivo esistente, partendo dal mercato delle soluzioni embedded fino ad arrivare alle Smart TV.

Quale sarà allora la strategia di monetizzazione da parte di Microsoft con quella che potremmo definire la divisione più gloriosa della società? In realtà “non ci sarà nessun stravolgimento nel modello di business”, ci è stato spiegato dalla società. “Lo stravolgimento del modello di business c’è già stato con i servizi a sottoscrizione”. Ed è lì che la Microsoft di Nadella punta e punterà a monetizzare, oltre che con la vendita del sistema operativo nei canali OEM.

Abbiamo potuto approfondire anche la questione smartphone dopo la non proprio esaltante notizia degli scorsi giorni. Sembra che non ci sarà alcun stravolgimento neanche da quel punto di vista: la società ha battuto negli ultimi mesi sulle fasce di prezzo più abbordabili, ma con il rilascio di Windows 10 tornerà indubbiamente sulla fascia enthusiast: “I prossimi Lumia esalteranno le caratteristiche di Windows 10”, osserva la società, e sono attesi in autunno con il rilascio del sistema operativo mobile.